bibliografia

 

A seguire, le mie principali pubblicazioni editoriali:

 

SONETTI

raccolta di poesie
 

 

Nella presente raccolta di versi, rinuncio a una forma poetica “libera” da schemi e affido i miei componimenti a una forma ben precisa: quella del sonetto; strumento per indagare sotto nuova luce gli affetti, l’amore e i ricordi d’infanzia. Attimi di vita vissuta che tento di descrivere con la musicalità tipica di una forma poetica che, pur dovendo il nome al provenzale sonet (piccolo suono, melodia), è tipica della tradizione letteraria italiana. Con tale opera, ho inoltre voluto rendere un piccolo omaggio ai molti poeti italiani che hanno arricchito la mia formazione artistica: maestri nell’uso del sonetto che vanno da Dante a Ugo Foscolo, passando per Gioacchino Belli e Pier Paolo Pasolini.

 

 

 

 

 

 

PANTHALASSA
poesie sul mare
 

 

La vita più intensa è raccontata in sintesi dal suono più rudimentale: quello dell’onda del mare che da quando si forma muta ad ogni istante. È così che scriveva Italo Svevo ne La coscienza di Zeno, ed esattamente di questo, oggi, scrivo io in Panthalassa... Scrivo di un mare dolce, spirituale, intimo. Scrivo di un mare cimitero di speranze, riottoso, imprevedibile. Scrivo di un mare che non è solo balneazione e partite a racchettoni, ma anche fatica e sudore per chi, con il mare, ci lavora. Scrivo di quell’acque saline che da milioni di anni lambiscono e frastagliano le rive terrestri. Ne scrivo scegliendo il linguaggio della poesia, con l'augurio che possa portarci a sedere sulla riva del “nostro” mare per respirare salsedine ed eternità.

 

 

 

 

 

 

Sulla Morte e sui Sepolcri
romanzo
 

 

Il giovane Massimo lascia il suo “paesello” per cercare fortuna in una grande città, ma prima si reca al cimitero per far visita alla sua cara (e saggia) nonna e portare un fiore sulla tomba del padre di Carlo, amico di vecchia data. Proprio in tale luogo troverà il tempo della riflessione e inizierà uno scambio di SMS con l’amico, specchio di se stesso. I due parleranno di Morte e di Vita, citando grandi autori come Ugo Foscolo e ricorrendo a tutto quel mondo materiale che, inspiegabilmente, fugge da un qualcosa o vi si rifugia tragicamente. Il gioco degli SMS è un modo come un altro per trasmettere il bisogno della memoria e della consapevolezza, anche utilizzando quella tecnologia che spesso ci aliena e rende estranei.

 

 

 

 

 

 

CARMINA AETERNA
raccolta di poesie
 

 

Rispolvero con Carmina Aeterna il mistero di una lingua antica: è infatti un tributo alla mia profonda passione per la cultura classica e in particolare per quella latina (e per la sua culla, Roma). I versi aspirano a toccare l’assoluto, nella sua forma di eterno esserci, che enfatizzo attraverso temi antichissimi ma sempre attuali: l’Amore e la Natura. Dacché “cambiano i tempi, tutto si evolve, ma è sempre lui, l’Amore, lo stesso sentimento che si rinnova incessantemente in ogni individuo". Il presente può quindi disfarsi tra passato e futuro nell’espressione di queste grandi forze che governano la vita del genere umano, e mi auguro che dalla lettura di queste poesie possa emergere quel che ho provato nel profondo dell’animo dando loro forma.

 

 

 

 

 

 

LA CONGIURA DELLE BANDIERE
de civitate hominis
 

 

Tra i byte del Sistema qualcuno cerca di appropriarsi delle comunicazioni radio e TV per trasmettere un messaggio. Questo qualcuno cerca il controllo totale. Un click, e da domani l’umanità si sveglierà in un nuovo mondo. Qualcuno, prima che l’uomo si autodistrugga, proverà infatti a dire: “Ok, basta. Si ricomincia”, imponendo senza proiettili un domani privo di discriminazioni, in cui vendere e comprare non sarà più possibile, o meglio, necessario. Cosa pensereste di ciò? "Utopia", forse, ed è proprio questo concetto quel che emerge da La congiura delle bandiere, portavoce di un sogno irrealizzabile agli occhi, ma già realtà per il cuore... Una sorta di favola moderna dalla morale rivoluzionaria: "volere è potere".



info@corradovatrella.it

 

: